Archivio tag: curriculum

Il Curriculum, qualche piccolo accorgimento pratico

Nella stesura del proprio CV è evidente che sono i contenuti il cuore del lavoro. Per contenuti ovviamente si intendono le esperienze professionali e il percorso formativo del candidato. In libreria e in rete si possono trovare varie guide e articoli su come scrivere un curriculum vitae. Meno frequenti sono quei consigli pratici, più utili per curare la forma che la sostanza del CV. Anche se, un ottimo percorso professionale potrebbe non essere valorizzato adeguatamente da un curriculum prolisso o poco leggibile.
Innanzitutto qualche dritta sul programma di scrittura utilizzato per la stesura del CV. Se utilizzate il software gratuito Writer di OpenOffice.org potete serenamente scaricare dal sito una serie di templates di CV, resume se cercate in inglese. Anche Microsoft Word offre una serie interessante di modelli pre impostati. Una volta aperto Word (dal 2007 in avanti) la procedura è: file nuovo, seleziona template e apri un resume di tuo gradimento.
Tenete presente che è buona cosa tenere un CV anche in formato pdf, in rete esistono molti siti che permettono la conversione.
Questi modelli pre impostati hanno il vantaggio di non farvi perdere tempo con spazi, interlinea, tab vari e dimensione caratteri. La lunghezza consigliata è di 2, massimo 3 pagine per i candidati con più esperienza.
Altri consigli, non usate un carattere troppo piccolo (non minore di 11) e scegliete un tipo di carattere chiaro e leggibile: lasciate perdere il carattere d’effetto o artistico (tipo bobcat) ma restate su classici arial, times new roman, calibri.
Colori: il classico nero su bianco va benissimo, se vi scappa qualche titolo o indirizzo mail in blu, va bene lo stesso, ma non esagerate inserendo colori vivaci.
Non usate margini troppo larghi, lascereste troppo bianco inutile, col rischio di rendere il CV poco leggibile.
Fate attenzione alla foto, se proprio la dovete inserire usate una sobria foto del volto formato tessera. Niente costume da bagno o bicchiere da cocktail. Il CV non è il profilo Facebook.
Evitate anche di inserire informazioni personali non pertinenti in un processo di selezione, tipo fede religiosa, partito politico preferito o orientamento sessuale.
Serietà e sobrietà sono parole da non dimenticare mai, non solo nella stesura del proprio curriculum.

Come cambia il curriculum con l’avvento della tecnologia

 

Come tutti ben sappiamo avere un buon curriculum è davvero importante per riuscire ad entrare nel mondo del lavoro. Con un curriculum ordinato e ricco di dettagli possiamo infatti fare una buona impressione e possiamo far capire quanto sia grande la nostra professionalità e il nostro talento. Fino a qualche anno fa l’unico curriculum vitae possibile era quello in formato cartaceo, che negli anni si è poi trasformato in formato digitale solitamente come file pdf da inviare come allegato via mail. Il mondo della tecnologia però non si ferma mai e oggi sono disponibili molte altre tipologie di curriculum. Andiamo a scoprirle insieme.

Tra le tipologie di curriculum che si sono diffuse di più in questi ultimi anni dobbiamo ricordare i curriculum online, dei veri e propri siti internet in cui inserire tutte le proprie esperienze formative e lavorative, le proprie passioni e il proprio talento. Il curriculum online vi permette di offrire molte più informazioni rispetto al classico curriculum cartaceo, potete infatti inserire i link alle aziende che vi hanno dato lavoro in modo da far capire in modo semplice e veloce quanto siano importanti queste aziende oppure potete inserire i link ai lavori che avete realizzato in modo da far capire subito la vostra preparazione e il vostro talento. Non solo, il curriculum online vi permette anche di inserire fotografie e video in modo da rendere la vostra presentazione ancora più ricca e accattivante.

Anche i video curriculum sono oggi molto diffusi, video di presentazione in cui potete dire tutto ciò che vi passa per la mente per cercare di invogliare le aziende a scegliere proprio voi tra tutti i possibile candidati. I video curriculum sono degli strumenti davvero eccezionali perché non sono dispersivi e perché sono di grande impatto visivo, devono però sempre essere accompagnati a nostro avviso anche da un classico curriculum in formato cartaceo.

Tra i curriculum più innovativi troviamo anche il fotolibro, un curriculum davvero meraviglioso soprattutto per coloro che lavorano nel mondo della comunicazione, della grafica, della pubblicità, della fotografia e simili. Potete realizzare il fotolibro in modo del tutto autonomo sfruttando un semplice album foto software, come il software offerto dalla Cewe Color ad esempio che garantisce il massimo della personalizzazione possibile. Potete inserire nel vostro curriculum allora tutte le fotografie che desiderate scegliendo l’impaginazione, il design, lo sfondo e anche tutte le possibili didascalie e potete anche personalizzare la copertina ovviamente per esprimere al meglio la vostra personalità. Mostrando un curriculum così moderno e curato in ogni minimo dettaglio vedrete che riuscirete ad ottenere il tanto ambito posto di lavoro senza troppi sforzi.

Le nuove tecnologie di stampa vi permettono di realizzare anche dei meravigliosi biglietti da visita e adesivi, piccoli strumenti questi che vi offrono la possibilità di far circolare in modo intenso il vostro nome e di farvi quindi conoscere da un numero sempre più elevato di persone. La stampa adesivi è senza dubbio la scelta migliore soprattutto se siete molto giovani e se ancora dovete fare il vostro ingresso nel mondo del lavoro, lasciando questi adesivi in giro riuscirete a creare una sorta di alone di mistero intorno alla vostra persona e riuscirete così a conquistare la curiosità di molte ditte.

L’importanza della lettera di presentazione

 

Quant’è importante la  lettera di presentazione? Per chi si trova alla ricerca di un lavoro, ormai è un documento di assoluta importanza che deve andare di pari passo con il proprio Curriculum Vitae.
In tempi di crisi come i giorni che stiamo vivendo, è veramente difficile farsi notare dalle aziende, per cui è davvero fondamentale, per chi vuole un lavoro fare colpo, e mostrare una buona lettera di presentazione può facilitare chi visionerà il Curriculum del candidato a fare la scelta giusta al momento della prima scrematura degli aspiranti lavoratori.
Infatti, la lettera di presentazione non ha altro che la funzione di far breccia nel “cuore” di chi in azienda visiona per primo i Curriculum Vitae dei candidati, facendogli capire di essere sulla buona strada nell’aver trovato il lavoratore ideale. È quindi di estrema importanza, scrivere una lettera di presentazione seria e professionale, altrimenti i propri sforzi potrebbero essere vanificati.
Diciamoci la verità: in pochi hanno idea di come si scriva realmente una buona lettera di presentazione; di solito si sceglie mandare i Curriculum Vitae, ignorando che le aziende potrebbero cestinarli, se in allegato non trovano il documento. Ma non è semplice scriverla. A un primo approccio con il documento, è importante chiarire che, a differenza del Curriculum Vitae, la lettera di presentazione deve risultare, agli occhi del selezionatore, meno schematica. Deve, anche se in maniera professionale, far parlare del candidato, delle proprie ambizioni, le esperienze passate e quello che si sta cercando, tra le righe deve mostrare il vero carattere del candidato.Altro aspetto da non dimenticare è che la lettera di presentazione non deve essere uguale per tutte le aziende a cui è indirizzata, ma deve variare a seconda di chi è il destinatario, arricchendola con particolari e specifiche, proprie di questa o quest’altra azienda. Solo in questo modo chi visionerà le domande di assunzione, capirà che il candidato è l’uomo giusto per ricoprire quel determinato incarico in azienda e non avrà dubbi sulla scelta da fare.
Nello specifico, l’importanza della lettera di presentazione risiede nella capacità di far capire il selezionatore se un candidato a un determinato posto di lavoro, possieda o no tutte le qualità e le credenziali che vengono richieste per ricoprire l’incarico e se l’aspirante lavoratore è veramente motivato e interessato dall’offerta di lavoro che viene fornita; inoltre, la lettera di presentazione aiuta in qualche modo a saperne di più sul candidato, aiutando a far capire al selezionatore chi è la persona che chiede di lavorare in quella determinata azienda e se è davvero quella adatta.
Da queste informazioni, dunque, impariamo l’importante lezione che per chi vuole farsi assumere, soprattutto in una situazione di crisi come quella che stiamo attraversando, non c’è maniera migliore per fare colpo che allegare al proprio Curriculum Vitae – che deve anch’esso essere redatto nel migliore dei modi – una lettera di presentazione che non faccia venire dubbi al selezionatore su quali sono le proposte da prendere in considerazione e quali invece vanno subito cestinate.

Cercare lavoro: un buon curriculum vitae è fondamentale

 

Quando ci si avvicina al mondo del lavoro, bisogna essere pronti e soprattutto avere le idee chiare, far trasparire sicurezza e tanta voglia di fare. Questi sono i requisiti basilari, che ognuno di noi dovrebbe tenere ben a mente, ma non solo, c’è un’altro strumento sul quale bisogna lavorare.

Sto parlando del curriculum, giornalmente, infatti, se ne inviano tantissimi online e non solo, cercando di farsi notare in tutte quelle offerte di lavoro reperibili su siti specializzati, su agenzie interinali online e su annunci di vario genere, bisogna quindi spendere due paroline a riguardo.

Di consigli ce ne sono tanti, ma osservando la guida di Curriculumvitaeeuropeo.net, si potranno scoprire piccoli trucchi che renderanno il nostro curriculum praticamente impeccabile. Certo, per poter ricevere tanti riscontri favorevoli e soprattutto attenzione, saranno fondamentali i contenuti, le conoscenze e piccoli dettagli che potrebbero fare la differenza.

Prima di tutto dovrete sviluppare la strategia della sintesi, ovvero, evitare curriculum di 5 o 6 pagine, perchè a lungo andare potrebbe solo far stancare nella lettura, ma al contrario dovrete arrivare subito al punto, mettendo in risalto le capacità richieste nell’offerta di lavoro e tutto ciò che può far parte di quel determinato campo, come ad esempio se avrete seguito dei corsi particolari.

Un’altro punto sul quale lavorare sono le competenze, certo fa sempre comodo far notare tutti i vari percorsi di studi, è anche sinonimo di serietà ed è estremamente gratificante per noi che andiamo ad illustrare il tutto, ma anche in questo caso bisogna essere sintetici, citando magari solo gli ultimi titoli ottenuti e soprattutto andare ad evidenziare le competenze che maggiormente si allacciano al lavoro per il quale si sta cercando di puntare.

Questi sono solo alcuni esempi, ma in ogni caso, fate ben attenzione alla forma, evitando errori grammaticali, facendo trasparire sicurezza e soprattutto serietà, solo in questo modo riuscirete a dare una buona impressione sul vostro conto, in ogni occasione che vi si presenterà!