Le etichette sulla birra potrebbero sparire

La produzione di bottiglie di birra fatta in casa è costosa. Le etichette adesive personalizzate sono un modo molto più semplice per dare prestigio alla tua bevanda: basta stamparle e applicarle sul lato di qualsiasi bottiglia. Problema risolto! Ma Anheuser-Busch InBev sta testando un metodo di etichettatura che combina la flessibilità di un’etichetta stampata con alcuni dei fattori “wow” delle bottiglie e riduce l’uso di materie prime nel processo. “Stampa diretta di oggetti” non solo stampa direttamente sulle bottiglie di birra, ma può anche utilizzare la “goffratura digitale” per dare alle bottiglie una sensazione tattile. Questo metodo di stampa è stato testato già da qualche mese e, se tutto va bene, potrebbe diventare uno dei nuovi metodi di progettazione per chi produce le etichette della birra.

Anheuser-Busch InBev afferma di aver sviluppato internamente la stampa diretta di oggetti attraverso il suo Global Innovation and Technology Center. Infatti, hanno trovato un modo per far risaltare il suo packaging tradizionale, riducendo potenzialmente anche i costi e l’inquinamento ambientale dell’utilizzo di etichette di carta. “La stampa diretta di oggetti su vetro è una rivoluzione nella stampa e AB InBev è pioniera di questa tecnologia”, ha affermato nell’annuncio Simon Gerdesmann, responsabile del progetto Digital Object Printing. “Siamo entusiasti di avere ora un modo per combinare una stampa digitale e un design di bottiglia premium che consente ai nostri marchi di birra di fornire messaggi unici e variabili sulle bottiglie. Le produzioni di piccoli lotti premium per eventi o momenti specifici sono ora possibili quattro settimane più velocemente rispetto alle tradizionali etichette per bottiglie, dalla progettazione all’avere sullo scaffale, dove si distinguerà sicuramente dalla confezione “.

E mentre l’inchiostro e la vernice applicati direttamente sul vetro per un aspetto “senza etichetta”, queste bottiglie si differenzia dalla maggior parte delle marche di birra, Gerdesmann spiega che “la goffratura digitale è una delle capacità più insolite di questa tecnologia”. Continua: “L’inchiostro incolore viene utilizzato per [imitare] la tradizionale goffratura del vetro, portando una nuova dimensione alla decorazione delle bottiglie: i consumatori sentiranno e sperimenteranno una bottiglia in un modo completamente diverso”.

Per quanto riguarda l’impatto sulla sostenibilità, la nuova tecnologia di etichettatura è anche riciclabile poiché il vetro su cui è stampata “a causa delle alte temperature di fusione utilizzate nel riciclaggio”. Un rappresentante di AB InBev ha spiegato che è già stato dimostrato in test da parte dei fornitori dell’azienda. E in precedenza, un portavoce ha dichiarato al sito aziendale MarketWatch che l’esclusione delle etichette ridurrebbe la carta e l’adesivo, spiegando: “Sebbene siano ancora in corso analisi più complete dell’impronta economica della nuova tecnologia, la stampa direttamente sulla bottiglia rimuoverà i materiali delle etichette utilizzati in metodi di stampa più tradizionali “.

Le bottiglie prodotte con questo metodo stanno attualmente ottenendo il loro primo importante lancio commerciale nel Regno Unito: la serie Beck’s Artist in edizione limitata sarà di 200.000 bottiglie di birra con nove diversi design di bottiglie. Dopo di che, queste bottiglie “senza etichetta” potrebbero iniziare presto a raggiungere altri mercati in tutto il mondo. “Nei prossimi anni [la stampa digitale di oggetti] crescerà e avrà un proprio posto nell’attuale panorama delle tecniche di etichettatura”, ha suggerito Gerdesmann.

Comments

comments

Lascia un commento