Archivio della categoria: Aziende

Come pubblicizzare una nuova attività in modo furbo

Hai aperto una nuova attività? Ecco come pubblicizzarla in modo furbo attraverso i nostri stratagemmi.

Avete da poco aperto una nuova attività e state cercando dei modi per farvi conoscere e promuovere la vostra azienda? I primi tempi, si sa, sono sempre i più tosti per chi decide di lanciarsi nel mondo del commercio. La concorrenza è tanta e soprattutto spesso spietata, per cui non è così facile riuscire a ritagliarsi un proprio spazio o una propria cerchia di pubblico.

Ebbene, esistono comunque dei stratagemmi utili per riuscire a farsi pubblicità. Qui sotto ne abbiamo raccolti giusto alcuni.

1. Usate il web

Il web è lo strumento perfetto per promuovere una start up. Questo perché è immediato, coinvolge una grande fetta di pubblico e soprattutto è molto meno costoso di quanto si potrebbe pensare. Per sfruttarlo appieno potreste partire con la creazione di un sito web aziendale, al fine di trasformarlo in un vero biglietto da visita multimediale dove promuoversi e farsi conoscere. In aggiunta, vi consigliamo anche di aprire una pagina Facebook o Instagram, per attrarre una fetta di pubblico un po’ più giovane e sbarazzina. Un altro strumento molto importante è la newsletter: inviando a cadenza settimanale o mensile delle newsletter informative e professionali, riuscirete a fidelizzare ogni contatto e a trasformarlo in un vero cliente.

2. Usate la pubblicità cartacea

La pubblicità cartacea è un evergreen che non muore mai. Per questa ragione vi consigliamo di sfruttarla appieno. Stampate tutto ciò che preferite, dai volantini ai biglietti da visita e distribuiteli a chiunque vi capiti a tiro. Potete anche effettuare una stampa manifesti, in modo da coinvolgere i passanti o comunque gente potenzialmente interessata a quello che vendete. Inoltre, vi consigliamo di stampare anche prodotti più originali come calendari, penne, matite… insomma oggetti fruibili nella vita di tutti i giorni e che vi possono permettere di farvi una discreta pubblicità. Il nostro consiglio è: scegliete il tipo di pubblicità cartacea che preferite e sfruttatela appieno.

3. Organizzate eventi in negozio

Avete da poco aperto il vostro negozio? Allora sarebbe il caso di organizzare qualche evento per promuoverlo subito! Se, ad esempio, il vostro è uno shop di abbigliamento un’ottima idea potrebbe essere quella di organizzare delle sfilate di moda, al fine di evidenziare i vostri prodotti di punta e mostrarvi come gente altamente professionale. Se, invece, è un bar, potete preparare serate con aperitivi speciali e cocktails introvabili, in modo da attrarre una clientela giovane e curiosa. Insomma, spazio alla fantasia per un evento promozionale impeccabile.

3 cose che uno stand non può non avere per colpire il pubblico

Devi realizzare uno stand fieristico? Ecco cosa deve assolutamente avere per riuscire a colpire il tuo pubblico.

Realizzare uno stand fieristico richiede impegno e grandi doti creative. Questo perché quando si partecipa ad una fiera nulla deve essere lasciato al caso, soprattutto se si desidera attrarre più clienti e spodestare il predominio della concorrenza. Ma far ciò, in modo concreto, può non essere così semplice.

Ecco che quindi abbiamo deciso di corrervi in aiuto definendo come deve essere uno stand per essere definito da un pubblico passante convincente e fuori dagli schemi.

1. Deve essere chiaro

Quante volte vi sarà capitato di passare davanti ad uno stand e di non capire cosa vendeva o evidenziava più precisamente? Probabilmente tante. Ebbene, uno stand per essere definito professionale non può non trasmettere chiarezza e pulizia nelle linee e nei prodotti. Evitate quindi di sovraccaricare la vostra struttura con materiali inutili e che per nulla servono ad avvicinare nuovi clienti. Siate invece più sintetici e chiari, in modo da evidenziare esclusivamente i vostri prodotti di punta e nient’altro.

2. Deve rievocare il logo dell’azienda

La vostra azienda ha un logo bianco e rosso? Allora dovrà essere assolutamente evocato con uno stand affine. Lo stesso vale per qualsiasi tipo di altro colore. Il motivo? È molto semplice: utilizzando una sorta di immagine coordinata, si dà armonia a tutto lo stand e soprattutto una maggiore identità alla struttura. Ciò farà sì che ogni utente, nel momento in cui gira tra i vari stand e passeggia nelle vie della manifestazione, riconosca la vostra azienda e vi raggiunga per saperne ancora di più.

3, Deve essere dinamico

Uno stand dinamico è in grado di coinvolgere ancor di più gli occhi dei passanti. Ovviamente, per dinamicità si intende un uso massiccio di schermi, tv led, ma anche scale che permettano di raggiungere il piano di sopra dello stand. Attraverso gli schermi, potrete fornire in modo immediato tutte le informazioni principali riguardo i vostri prodotti e la vostra impresa, e riuscirete altresì a catturare lo sguardo di chiunque si trovi a passare nei pressi del vostro stand. Insomma, una piccola strategia che ogni agenzia di allestimenti fieristici Milano utilizza, per riuscire ad incrementare ancor di più la fetta del proprio pubblico.

Come scegliere i serramenti

Nella scelta dei propri serramenti, ciò che si deve valutare non è soltanto quello che offre il mercato limitrofo. Oggi, con internet è possibile ricercare il miglior prodotto in assoluto. On line è semplice valutare le caratteristiche tecniche di un prodotto ed anche la sua  estetica. Per le misure basta indicarle online ed in pochi giorni si potrebbe vedere recapitato a casa propria il miglior prodotto esistente sulla piazza. L’azienda Gioma s.r.l., produce e fornisce diversi tipi di serramenti in pvc a Udine. Non solo, ma è in grado di orientare i suoi clienti nella scelta del prodotto più adatto alle proprie esigenze. Le finestre, si sa, sono un accessorio indispensabile in un appartamento. Ma se queste assolvessero al meglio la funzione per cui sono start fabbricate, allora sarebbero davvero un valore aggiunto. Le finestre devono garantire isolamento termico, fono acustico e devono anche essere una barriera agli spifferi, all’umidità, al calore ed al ghiaccio. Infine devono anche garantire un’ottima privacy. Dalle intrusioni visive e materiali. In altre prole devono anche essere sicure.

A tal proposito i serramenti in pvc a Udine forniti dalla Gioma in tutta Italia, possono essere visionati comodamente dal pc di casa , valutati nelle loro caratteristiche tecniche ed estetiche e ritirati nelle misure desiderate. Esistono forme e colori assai differenti. I serramenti in pvc più venduti sono quelli ad effetto legno. Chiari, scuri o con venature cangianti. Ma anche le aperture possono essere classiche o a scorrimento, a battente, a ghigliottina o a ribalta. E vi è persino il tipo misto. Inoltre  ci sono numerosi optionals per tutte le esigenze. Vi sono le finestre con vetri fonoassorbenti, che riescono a limitare i rumori provenienti dall’esterno fino a 70 decibel. Vi sono i vetri anti intrusione o quelli antiriflesso e oscurati. 

Le caratteristiche standard dei serramenti di ultima generazione prevedono alcune prestazioni imprescindibili come la chiusura ermetica anti spiffero e a prova di umidità che permettono alle finestre di avere una trasmittanza notevolmente bassa. La trasmittanza indica il passaggio di calore attraverso un materiale. Nel caso del pvc essa è minima, poichè grazie alla sua tenuta stagna non permette il passaggio del calore dall’interno dell’abitazione verso l’esterno e viceversa. Con un notevole risparmio economico in bolletta. L’energia necessaria per riscaldare o rinfrescare casa, infatti,è molto minore senza dispersione.

 

In tempo di crisi si fa soldi con le cose superflue

Oggi non solo molti giovani sono in cerca del primo impiego, ma anche persone di una certa età nonchè mamme e casalinghe che cercano un “lavoretto” per poter portare un contributo alla famiglia.
Ci sono piccole soluzioni che possono dare un vero aiuto, spesso non si pensa alle “soluzioni alternative”, ma basta guardarsi attorno per darsi da fare e riscoprire il sorriso, Mercatopoli è una di queste soluzioni, sicuramente la piu’ innovativa: mercatino usato.
Quando si è in cerca di lavoro, occorre evitare le “spese superflue”, ovvero le spese non necessarie, ma se ci pensiamo bene, quante “cose superflue” abbiamo? Sicuramente tantissime. I nostri armadi, cassetti, nonchè box, cantine, soffitte sono piene di utensili, oggetti vari che non usiamo piu’ e che forse abbiamo anche dimenticato di avere. Proviamo a rispolverare la memoria, proviamo ad aprire vecchi scatoloni e cercare qualcosa che potrebbe piacere ed essere utile ad altre persone. Ci abbiamo pensato? Bene.
A questo punto il passo successivo è molto semplice: rechiamoci a Mercatopoli, il mercatino usato con oltre 100 sedi ubicate in tutta Italia. Qui troveremo non un semplice mercatino ma un vero e proprio negozio usato dove poter esporre gratuitamente la nostra merce e alla vendita, potremo ricevere in contanti un contributo fino al 65% del valore della nostra merce. La valutazione viene fatta da veri esperti del settore. Da Mercatopoli infatti trovate solo la migliore merce ed i migliori oggetti pronti per un riuso davvero intelligente. Fate bene i vostri conti e pensate fin d’ora a quanto potete guadagnare. Una belle ed interessante opportunità vero?
Siamo nell’epoca del riciclo, dove tutto ha un senso ed un valore, dove chi acquista guadagna anche la consapevolezza di possedere un oggetto che ha percorso una certa storia, magari si tratta proprio di un oggetto impossibile da trovare altrove e chi vende ha la possibilità, oltre che di guadagnare, di poter acquistare a sua volta oggetti unici ad un prezzo eccezionale. Anche gli studenti, i ragazzi, possono trovare quello che cercano e soprattutto imparano il senso del riuso e del riciclo, elemento chiave della nuova generazione.